FeaturedNOTICIAS

Come sapere se ti stai lavando i denti troppo forte


La storia dentale di mia madre si legge come un romanzo dell’orrore: otturazioni multiple, canali radicolari, impianti, interventi chirurgici alla mascella, innesti di tessuto gengivale e faccette complete. A parte i costi emotivi, l’investimento finanziario è stato enorme. Di conseguenza, fin dalla giovane età mi ha insegnato l’importanza dello spazzolamento e del filo interdentale due volte al giorno. È chiaramente ripagato: non ho mai avuto nemmeno una carie.

Quindi immagina la mia sorpresa quando, alcuni anni fa, le mie gengive hanno iniziato a recedere. Recessione gengivale è proprio quello che sembra: il tessuto rosa e spugnoso (noto come gengiva) che copre e protegge le radici dei nostri denti si restringe, esponendoli sempre più a batteri nocivi. Recessione gengivale non ha solo conseguenze estetiche – è la radice dell’idioma «lungo nel dente» usato per indicare che qualcuno sembra vecchio – ma può anche aumentare l’accumulo di placca, l’erosione dei denti e la sensibilità.

Secondo a Studio del 2003, quasi la metà di tutti gli adulti nel mondo di età compresa tra i 18 ei 64 anni soffre di un certo grado di recessione gengivale (il numero sale fino all’88% per gli adulti di età pari o superiore a 65 anni). Negli Stati Uniti, 47 per cento degli adulti di età pari o superiore a 30 anni ha una qualche forma di malattia gengivale (chiamata anche parodontite), che causa non solo la recessione gengivale ma anche il tessuto gengivale gonfio e sensibile, sanguinamento in bocca, dolore durante la masticazione e ascessi.

Ma come è possibile che una recessione gengivale possa accadere a uno spazzolino e un filo interdentale come me, che raramente salta una pulizia? Quando ho chiesto al mio dentista, ho ricevuto una risposta sorprendente: «Spazzoli molto forte?»

Non ci avevo mai pensato prima. Quando ho cercato su Google «spazzolare troppo forte», tuttavia, uno stuolo di studi accademici, individuale dentale pratica siti e nome della marca spazzolino da denti e dentifricio azienda i blog sono spuntati, tutti mi avvisavano del pericoli di spazzolatura troppo potente. Molti mi hanno offerto gli stessi consigli che mi aveva dato il mio dentista: usare uno spazzolino a setole morbide e tenerlo con solo due o tre dita o con la mia mano non dominante. Dopo un paio di settimane, tuttavia, ho iniziato a preoccuparmi se stavo oscillando dall’altra parte del pendolo: spazzolando troppo delicatamente per pulire i denti correttamente.

Per determinare se anni di spazzolatura eccessiva mi stessero sabbiando le gengive fino all’oblio, ho parlato con il dottor James G. Wilson, presidente del American Academy of Periodontology (AAP)parodontologia essendo la branca dell’odontoiatria che si concentra sul trattamento delle strutture intorno ai nostri denti, sull’infiammazione orale e sull’esecuzione di impianti, e abbiamo scoperto che la risposta breve è, forse.

Come ha sottolineato il dottor Wilson, tuttavia, «c’è una linea sottile tra spazzolare troppo forte e non rimuovere i batteri che è necessario rimuovere, il che ti rende più suscettibile alle carie [and] alle malattie gengivali. » In altre parole: spazzolare i denti in modo più intelligente, non necessariamente più morbido, è l’obiettivo.

Spazzolare troppo forte è solo una delle tante cause di problemi ai denti e alle gengive

Molti fattori contribuiscono all’usura dei nostri denti e gengive oltre allo spazzolamento eccessivo: genetica, dieta, accesso alle cure, e persino trattamenti ortodontici. Quando ho condiviso la storia dentale di mia madre, il dottor Wilson ha detto che la mia recessione gengivale potrebbe essere dovuta principalmente a ereditando il tessuto gengivale più debole (chiamato gengiva), una mascella più piccola e persino la mia mascella più sottile, il che può aumentare la probabilità di recessione gengivale e cavità. Inoltre, il mio apparecchio ortodontico da adolescente, mentre raddrizzava il mio sorriso, potrebbe anche aver spinto alcuni denti oltre i limiti dell’osso.

Come mi ha detto il dottor Wilson, «Una spazzolatura troppo aggressiva può certamente causare alcuni danni, [but] Personalmente penso che la colpa sia fin troppo «. Se tu oi tuoi genitori avete avuto molti problemi con i denti, potreste chiedere al vostro dentista se il vostro raggi x e gli esami mostrano ossa più sottili e tessuto gengivale più debole. Se lo fanno, dovresti assolutamente prendere l’eccesso di spazzolatura più seriamente, poiché è una delle poche cose che puoi controllare quando si tratta di prevenire la recessione gengivale, le malattie gengivali e la carie.

Gli spazzolini a setole morbide rimuoveranno la maggior parte della placca, ma possono anche causare più danni

Gli spazzolini a setole morbide non sono i migliori perché sono delicati su denti e gengive; sono consigliati perché il loro maggiore flessibilità consente loro di coprire più superficie e trattenere più dentifricio. Dal punto di vista del parodontologo del dottor Wilson, questa flessibilità significa anche che raggiungono i batteri sotto il bordo gengivale meglio delle setole più rigide.

La loro capacità di trattenere più dentifricio, tuttavia, è uno dei motivi per cui potresti voler prestare attenzione l’abrasività del tuo marchio a casa. Alcuni ricercatori lo avvertono più abrasivo i dentifrici possono erodere lo smalto e il tessuto sottostante (chiamato dentina) che, se esposti, aumentano la sensibilità. Altri esperti insistere sul fatto che tutti i dentifrici disponibili sono sicuri. (Cerca il file Sigillo di accettazione ADA se vuoi essere sicuro che il tuo marchio sia stato accuratamente testato.) Lo vuoi almeno alcuni abrasività nel dentifricio per rimuovere la placca, a meno che i denti non abbiano già un’usura significativa. I dentifrici sbiancanti tendono ad avere il massimo livelli di abrasività (su una scala di sicurezza da 0 a 250); puoi scoprire quanto è abrasivo il tuo marchio attuale Qui.

Tieni presente anche che l’abrasione, che è l’usura causata da materiali estranei come spazzolini e dentifricio, è solo uno di tre modi in cui perdiamo il nostro smalto. L’attrito si verifica quando i nostri denti si sfregano l’uno contro l’altro, principalmente attraverso il serraggio e il digrignamento, e l’erosione è causata da fattori dietetici e ambientali, come il consumo di cibi e bevande acide, l’esposizione alla nostra saliva e acido gastrico e la contaminazione da luoghi di lavoro inquinati (come le miniere ). Se ami gli agrumi e i succhi o bevi bibite gassate ogni giorno, valuta la possibilità di ridurre o, per lo meno, cronometrare la spazzolatura limitare la potenziale erosione.

Inoltre, non dimenticare di sostituire i pennelli ogni tre o quattro mesi, come quelli vecchi e consumati rimuovere meno placca e può ospitare batteri e virus.

Gli spazzolini elettrici hanno sensori di pressione che ti dicono se stai spazzolando troppo forte

«Sono un grande sostenitore degli spazzolini elettrici», mi ha detto il dottor Wilson, «[because] se usi correttamente uno spazzolino elettrico, non usi un movimento di sfregamento con esso. ”Tutto quello che devi fare è tenere fermo lo spazzolino e guidarlo lungo i denti e il bordo gengivale, lasciando che sia lo spazzolino a fare il resto del lavoro.

Anche se strofini, molte spazzole elettriche ora sono dotate di sensori di pressione che si accendono o fanno rumore se stai premendo troppo forte. (Puoi trovare questa funzione in tutte le fasce di prezzo, da $ 50 Orale-B e Sonicare spazzole, per $ 250 Sonicare DiamondClean pennello con caricabatterie chic e impostazioni multiple.) Il più costoso Oral-B 7000 ($ 130 in vendita) e 8000 ($ 140 in vendita), così come il $ 95 Pennello intelligente Quip connettiti anche alle app che mostrano le aree che ti sei perso e tieni traccia delle tue abitudini di spazzolamento.

Sebbene questi pennelli costino più dei pennelli manuali, anche loro rimuovere più placca. Come ha detto il dottor Wilson, «Uno spazzolino elettrico è probabilmente un investimento minimo rispetto al costo di alcune cure odontoiatriche». Assicurati di scegliere le testine a setole morbide e, come con le spazzole manuali, sostituiscile ogni tre o quattro mesi.

Porta lo spazzolino da denti alla prossima pulizia

Dal 2013, il La posizione di ADA è che il numero di visite annuali dovrebbe essere adattato alle esigenze individuali dei pazienti e ai fattori di rischio. Tuttavia, «361 giorni all’anno, questa è una tua responsabilità», ha detto il dottor Wilson. (I suoi pazienti hanno spesso malattie gengivali avanzate e richiedono pulizie trimestrali.) «Dobbiamo essere i tuoi allenatori su come fare un buon lavoro in quei 361 giorni.»

Per ottenere un coaching efficace, dobbiamo mostrare le nostre cose. (È la differenza tra guardare un campione di sollevatore di pesi dimostrare uno snatch e poi provare a replicarlo da solo a casa, piuttosto che mostrare al sollevatore di pesi la tua tecnica e chiedere consigli.) La prossima volta che vai a pulire, porta lo spazzolino da denti, spazzola davanti al tuo igienista e dentista e chiedi loro un feedback. Il dottor Wilson ha sottolineato quest’ultima parte, poiché molti dentisti e igienisti esitano a parlare con il rischio di sembrare prepotenti o irritanti. «Non appena lo chiedi», ha detto, hai dato [us] permesso di criticarti. «

Mentre inizieranno guardando il tuo pennello, se le setole sono sfilacciate e divaricate, ad esempio, probabilmente stai spazzolando così forte, e con un pennello così stanco, che in realtà stai rimuovere meno placca—Il miglior feedback viene dal mostrare loro le tue tecniche di spazzolamento in azione.

Non ritardare le visite dentistiche di routine

Nell’agosto 2020, cinque mesi dopo l’inizio della pandemia, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha rilasciato un file dichiarazione consigliare alle persone di posticipare le cure dentistiche preventive di routine come le pulizie per ridurre la diffusione nella comunità. (L’ADA «Rispettosamente ma fortemente» in disaccordo, insistendo sul fatto che «l’odontoiatria è l’assistenza sanitaria essenziale. «)

In effetti, gli studi dentistici negli Stati Uniti e altrove sono stati sottoposti a a Rivoluzione DPI durante la metà degli anni ’80 in risposta all’HIV / AIDS. Mentre il dottor Wilson ricorda un tempo in cui i suoi dentisti non indossavano nemmeno i guanti per esaminarsi la bocca, quei giorni sono ormai lontani. «Andare dal tuo dentista è una cosa molto sicura da fare», ha detto, e il prove disponibili– per quanto scarso – sembra sostenerlo.

Mettendo fuori cure preventive, inoltre, crescono buchi nei nostri denti e, in ultima analisi, nelle nostre tasche. Avendo visto mia madre sottoporsi a così tante procedure costose e dolorose, mi sono assicurato che una delle mie poche escursioni nel mondo dopo il blocco fosse una pulizia, anche se sono immunocompromesso e quindi a maggior rischio di malattie gravi e morte da COVID -19.

Detto questo, molti americani spesso hanno saltato le visite dentistiche preventive anche prima della pandemia, forse a causa di mancanza di accesso a cure a prezzi accessibili, affidandosi invece a acqua di comunità fluorurata e programmi di sigillanti scolastici che prevengono le carie. Ma i tassi di carie e malattie gengivali non trattate sono da due a tre volte superiori tra i bambini e gli adulti neri, marroni e a basso reddito. Sebbene la promozione di una migliore assicurazione dentale per tutti gli americani sia la soluzione definitiva, la spesa per cure odontoiatriche di routine e urgenti rende ancora più importante spazzolare efficacemente a casa. Avere buoni strumenti e tecniche può aiutare, anche se alcuni fattori come la genetica e il complesso dentale-industriale sono attualmente al di fuori del nostro controllo.

Io, per esempio, non vedo l’ora di portare con me il mio nuovo spazzolino elettrico a setole morbide con sensore di pressione alla prossima pulizia per chiedere un feedback sulla mia tecnica. Voglio mantenere il mio punteggio sulla cavità a zero e assicurarmi di massaggiare quelle gengive con la giusta pressione.

.

TE INTERESA>>  Ver el partido Independiente Medellín vs Once Caldas EN VIVO ONLINE, por Copa BetPlay con el minuto a minuto

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Botón volver arriba